Il decreto “poco è meglio di niente”

Esiste una simmetria di intenti tra Di Maio che annuncia l’avvio dello smantellamento del jobs act e i padroni (ben spalleggiati dal PD) che si lamentano del decreto su lavoro e welfare varato dal Governo. Entrambi fanno propaganda.

L’unica cosa che si capisce è che il nuovo governo, sul lavoro, rischia di essere meno devastante di quelli precedenti (non ci vuole poi molto, ma non è mai scontato).

Le nuove norme sui contratti a termine e sulle somministrazioni cambiano pochissimo ma non sono regali ai padroni. La “stretta sulle delocalizzazioni” è insufficiente ma “sempre meglio di niente”.

Le norme che limitano la propaganda alle agenzie di scommesse sono puro buon senso (ma i governi precedenti erano ovviamente a libro paga delle aziende coinvolte).

In realtà, ciò che emerge è che cambierà pochissimo. Chi vorrà licenziare troverà il modo per farlo. Delocalizzare continuerà a essere fatto, multe o non multe.

Per cambiare radicalmente il jobs act bisognerà abolirlo, metterne in crisi l’ideologia che lo sostiene. Schierarsi contro i padroni e a favore dei lavoratori. Per impedire le delocalizzazioni bisognerà sequestrare gli impianti e nazionalizzare. Per farlo bisogna sapere che gli interessi dei padroni e dei lavoratori sono incompatibili.

Paradossalmente il PD lo sapeva e infatti stava dalla parte dei padroni. Il nuovo governo è probabilmente convinto che si può governare garantendo gli interessi di entrambi. Per questo chiama dignità un allentamento quasi impercettibile delle catene che subordinano il lavoro al capitale. Ma la dignità è una cosa diversa: è capire che chi lavora e produce deve governare le leggi sul lavoro, togliere potere ai padroni. Tutto questo è il contrario di ciò che faceva il PD, tutto questo non potrà essere fatto da leghisti e 5 stelle.

Occorrerà attrezzarsi per farlo. Prima o poi.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail