La resa dei conti: coronavirus e capitalismo

Articolo tradotto da Brics Psuv Italia

Originariamente pubblicato in CanadianDimension

La pandemia da coronavirus provocherà una seria crisi economica e sociale e una resa dei conti contro l’irriformabilità del capitalismo.

È forse calzante che la seria minaccia del coronavirus abbia colpito la maggior parte del mondo occidentale intorno alle Idi di marzo, il giorno in cui tradizionalmente, nell’antica Roma, si esigevano i debiti insoluti.

La settimana precedente era stata una vera e propria corsa sulle montagne russe. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha infine dichiarato che il contagio è una pandemia, i governi si sono affrettati a rispondere, il virus ha dominato il dibattito sui media insieme a una pletora di disinformazione sui social, città e persino interi Paesi sono stati chiusi, i mercati di ogni tipo sono crollati e le aziende hanno annunciato licenziamenti e interruzioni della produzione. È diventato chiaro che, qualunque fossero l’origine, i percorsi e la letalità del virus ora chiamato Covid-19, questo avrebbe messo a dura prova il capitalismo occidentale e la sua capacità di risposta. Quasi certamente essi si sarebbero dimostrati carenti. Del resto, nel sistema capitalista occidentale si sono accumulati problemi e squilibri per quattro decenni, in maniera evidente da quando ha intrapreso la strada del neoliberismo per uscire dalla crisi degli anni Settanta e l’ha mantenuta, incurante dei problemi e delle crisi a cui avrebbe condotto.

Durante questi decenni, secondo un’analisi affermata, il mondo capitalista occidentale stava guadagnando tempo, accumulando debiti, sia pubblici che privati, per evitare di fare i conti con i suoi mercati ristretti, un problema che il neoliberismo, con la sua incessante pressione al ribasso sui salari e prezzi, aveva solo ulteriormente esacerbato.

La crisi del 2008 è stata un primo momento di verità. Tuttavia, ciò non ha portato a un serio riorientamento di politica, ma solo alla socializzazione di montagne di debiti privati, in quanto le banche ritenute “troppo grandi per fallire” sono state salvate, e i loro dirigenti ritenuti “troppo grandi per essere arrestati” hanno continuato ad agire secondo le loro abitudini. Solo i comuni mortali hanno perso casa e lavoro e hanno dovuto affrontare la miseria imposta dall’austerità in nome del consolidamento delle finanze pubbliche.

L’attuale pandemia sarà sicuramente differente, non perché sia più letale delle precedenti (non lo è), né perché stia causando il caos nei mercati finanziari (come la maggior parte delle crisi dell’era neoliberista), ma poiché sta illuminando le debolezze, le distorsioni e gli squilibri dell’apparato produttivo che il neoliberismo ha plasmato in quattro decenni.

Il neoliberalismo avrebbe dovuto rinvigorire il capitalismo, ripristinarne gli “animal spirits” presumibilmente smorzati fino a quel momento dalla “mano morta dello Stato”. Tuttavia, non l’ha mai fatto. I tassi di crescita negli ultimi quattro decenni sono rimasti costantemente inferiori rispetto all’epoca d’oro del capitalismo “di Stato” postbellico. Invece, il sistema di produzione governato dal capitalismo occidentale fu forzato in almeno tre modi. Da un punto di vista spaziale, cingeva il mondo. Sul piano dei tempi, è stato portato in tensione con la produzione “just in time”, scorte minime o assenti e un limitato spazio finanziario per far fronte alle contingenze. Infine, socialmente, ha schiacciato duramente i lavoratori e i fornitori di piccole imprese, facendo sì che producessero lavoro per bassi salari e prodotti a prezzi bassi, scaricando su di loro ogni tipo di rischio sociale e finanziario.

A dire il vero, le dislocazioni che il virus e la lotta contro di esso hanno già causato e quelle che sono ancora in serbo sono state e saranno costose: parti chiave dell’economia mondiale non possono andare in blocco per mesi senza costi. Tuttavia, una struttura sana con un po’ di grasso di riserva avrebbe resistito molto meglio della nostra struttura snella, sovraccarica, altamente strutturata e produttiva che era già al limite per una resa dei conti.

Nella seconda settimana di marzo, quando l’OMS ha convertito Covid-19 in una “pandemia globale”, si è assistito a un disagio senza precedenti nei mercati mondiali. I mercati azionari degli Stati Uniti hanno subito il più grande declino in un giorno dal crollo del 1987, nonostante il fatto che la Federal Reserve la settimana precedente avesse tagliato i tassi di emergenza e promesso di iniettare miliardi di miliardi nel sistema. Questa non è stata una “correzione” confortevole. Insolitamente i mercati azionari, generalmente considerati i più rischiosi, non erano gli unici in crisi. Anche i mercati obbligazionari meno rischiosi hanno sofferto, così come i mercati più sicuri, quelli dei titoli del Tesoro USA e dell’oro, dal momento che gli investitori hanno cercato liquidità.

Inoltre, il dolore era più che finanziario.

Siccome paese dopo paese hanno imposto chiusure e restrizioni agli spostamenti, compagnie aeree, di crociera, aeroporti e altre società collegate ai viaggi, insieme a vaste aree del grande settore dei servizi, probabilmente inflazionato, che si basa principalmente sulla produzione e sul consumo, hanno sofferto chiusure, tagli e licenziamenti.

L’interruzione delle catene di approvvigionamento e il crollo dei mercati hanno schiacciato la produzione. Inoltre la disunione tra l’OPEC e i suoi alleati ha portato a una riduzione dei prezzi che ha reso la produzione di scisto americano – una delle stelle più brillanti del firmamento economico statunitense in un decennio altrimenti cupo – antieconomica, in quanto dipendente dagli alti prezzi del petrolio.

Sebbene l’entità di questa calamità vada ben oltre il virus, era difficile impedire che i governi neoliberisti si precipitassero a individuare la pandemia come colpevole della crisi. Dopotutto, George Bush Jr. aveva puntato sull’attacco dell’11 settembre, indicandolo quale evento responsabile della recessione iniziata già mesi prima, chiedendo agli americani di dimostrare il loro patriottismo andando a fare shopping.

Ci sono almeno quattro elementi distinti nel calcolo a lungo termine delle società capitaliste occidentali di fronte a quella che viene definita la “peggiore crisi di salute pubblica di una generazione“.

Il problema della domanda e soluzioni di politica monetaria

L’elemento fondamentale è stato il basso livello della domanda aggregata—sia per i consumatori che per gli investitori — in relazione alla capacità produttiva, per non parlare del potenziale produttivo, che ha causato il rallentamento della crescita negli anni ’70. Il neoliberismo, la soluzione privilegiata dell’Occidente, non solo non affrontò la questione, ma peggiorò le cose rendendo più facili gli “investimenti” finanziari, schiacciando i salari e la spesa pubblica e aumentando le disparità.

Viene messo denaro solo nelle tasche di coloro che non lo spenderanno né lo investiranno in modo produttivo, ma aumenteranno ulteriormente le ingenti somme che investono nei mercati delle attività speculative. La resa dei conti è stata rinviata in primo luogo dall’aumento dei prestiti del governo per finanziare non le spese sociali o assistenziali necessarie, ma per finanziare tagli sempre più osceni delle tasse per i ricchi e vasti aumenti delle spese militari, sussidi alle grandi corporations e poi attraverso l’indebitamento privato culminato nella crisi del 2008.

La crescita che queste politiche neoliberali hanno creato era dovuta principalmente agli “effetti di ricchezza” legati alle bolle dei prezzi delle azioni. Hanno permesso solo a una ristretta élite di aumentare i consumi. Negli ultimi dodici anni di “austerità”, persino tale crescita si è inaridita e l’Occidente ha registrato i tassi di crescita più bassi di qualsiasi decennio di neoliberismo. L’opzione neoliberista è esaurita anche come strategia per una crescita anemica. Le condizioni della domanda negli ultimi decenni sono state lente e la maggior parte dei nuovi consumatori e la domanda di investimenti emergenti si è spostata in Cina e in altri paesi non occidentali.

Lo shock della domanda provocato dall’attuale pandemia non fa altro che aggravare questa brutta situazione. Le disuguaglianze accumulate nei decenni neoliberali peggioreranno la diffusione della pandemia che a sua volta aumenterà la disuguaglianza e non farà che aggravare il problema della domanda.

Nell’ultimo decennio, i governi occidentali e i banchieri centrali hanno trovato un nuovo modo di guadagnare tempo per il sistema capitalista: creare un grande spettacolo per provare a risolvere i problemi di crescita attraverso la sola politica monetaria. Mantengono il pubblico incantato mentre i politici e gli esperti tirano fuori dai loro cappelli ingegnosi e anche bizzarri conigli dalla politica monetaria – tassi di interesse sempre più bassi, tassi di interesse negativi, allentamento quantitativo (QE), orientamento politico delle banche centrali e cosa altro – creando l’ impressione di stare sfruttando ogni cellula di materia grigia per salvare l’economia mondiale. Tuttavia, è tutta una classica presa in giro: John Maynard Keynes molto tempo fa ha avvertito che sarebbe arrivato un momento in cui la sola politica monetaria”non sarebbe di per sé sufficiente a determinare un tasso di investimento ottimale” e quindi un tasso di crescita accettabile. La sua efficacia equivarrebbe a “spingere una corda”.

Tutti i discorsi sulla politica monetaria distolgono l’attenzione del pubblico dalla politica fiscale, cioè l’aumento della spesa pubblica e degli investimenti. Molte agenzie della stampa finanziaria riconoscono questo problema, ma immaginano fantasiosamente che una piccola dose di queste politiche si dimostrerà sufficiente. Dimenticano che Keynes aveva continuato, nella frase successiva, a dire: “Concepisco, quindi, che una socializzazione in qualche modo completa degli investimenti si dimostrerà l’unico mezzo per garantire un’approssimazione alla piena occupazione”. (Per Keynes, la piena occupazione era l’obiettivo prioritario della politica economica, che non sarebbe stato esagerato dire che era il primo passo oltre il capitalismo verso una società migliore ).

Inutile dire che ciò che Keynes chiamava “una socializzazione degli investimenti in qualche modo comprensibile” equivarrebbe a una sorta di socialismo in cui i governi si fanno avanti per fare investimenti, se non altro per il fatto che il settore privato non è in grado o non è disposto a realizzarli. Per dirla in altro modo, l’entità dell’attivismo fiscale che sarà necessario per ripristinare un livello accettabile di crescita, occupazione e domanda sarà davvero così grande da sollevare alcune questioni fondamentali. Se i capitalisti non sono in grado e non vogliono fare l’unica cosa che rende il peggio tollerabile, investire e produrre lavoro, qual è il valore d’uso della classe capitalista? Perché i nostri stati democratici dovrebbero lasciare loro il controllo delle nostre economie? Tutto questo è ciò che ha fatto il capitalismo è stato almeno nell’ultimo decennio. L’attuale crisi potrebbe rendere impossibile ignorarlo.

La politica monetaria si esaurisce

L’attenzione sulla politica monetaria ha distolto l’attenzione del pubblico dalle necessarie politiche fiscali provocando un grande caos che può aver esaurito persino la sua perversa utilità. Il settore finanziario, il più grande beneficiario della spinta deregolamentatrice del neoliberismo, nonché delle condizioni avverse della domanda che ha creato, che ha inviato fondi nei mercati delle attività anziché in investimenti produttivi, ora deve affrontare una crisi delle sue principali fonti di sostegno. Il crollo del mercato azionario del 1987 fu la prima grande crisi finanziaria dell’era neoliberista e l’allora presidente della Federal Reserve, Alan Greenspan, rispose con il suo famigerato Greenspan Put, essenzialmente ripristinando la liquidità evanescente, riempiendo la ciotola del punch, in modo che le politiche speculative potessero continuare. Da allora la Federal Reserve e le sue banche centrali occidentali affiliate hanno risposto alle crisi finanziarie con ulteriori iniezioni di liquidità, sia abbassando i tassi di interesse sia con i mezzi più diretti per l’acquisto di attività meno liquide, altrimenti noto come allentamento quantitativo (quantitative easing).

Queste pratiche sono state giustificate come necessarie per ripristinare gli investimenti, l’attività economica e l’occupazione. Tuttavia, l’unica cosa che hanno ripristinato è la capacità del settore finanziario di continuare la sua speculazione improduttiva, aggravando le disuguaglianze sociali. Il risultato è stata una serie di nuove bolle finanziarie, che ha aumentato le fortune dell’1 percento della popolazione e, in misura minore, del 10 percento e ha causato un grande disagio economico tra il 90 percento quando sono scoppiate. La stessa politica infame fu utilizzata per il crollo del mercato azionario del 1987, nelle varie crisi finanziarie degli inizi e della metà degli anni ’90 che culminarono nella crisi finanziaria dell’Asia orientale del 1997-8 , per il crollo delle dot-com del 2000 e per la crisi del 2008.

Mentre la politica monetaria ha continuato a riempire la ciotola del punch, il sistema è stato decisamente meno allegro. I flussi di capitali internazionali, ad esempio, rimangono del 65% al di sotto del picco precedente del 2008, nonostante la generosità della banca centrale. Le banche e gli istituti finanziari sono gravati dai requisiti di riserva più elevati che la regolamentazione post-crisi per tanti versi inefficace è riuscita comunque a imporre. Dato l’elevato peso monetario necessario per fare soldi nei mercati finanziari oggi – la vastità di denaro in cerca di rendimenti non può che ridurre i margini – anche questa imposizione relativamente debole e ciò ha influenzato i profitti del settore finanziario.

Tuttavia, negli ultimi dieci anni si è assistito all’ennesima creazione di una bolla nel mercato azionario che ora sembra essere scoppiata. Il taglio del tasso di emergenza della Federal Reserve e la promessa di iniettare miliardi di miliardi nel sistema già nella prima settimana di marzo non sembra aver funzionato. In risposta, la Fed ha annunciato un’ulteriore riduzione dei tassi di interesse vicino allo zero, più acquisti di attività e la solita promessa di ” utilizzare l’intera gamma di strumenti domenica 15 marzo, poco prima dell’apertura dei mercati in Oriente. Con questa mossa, la Fed ha praticamente esaurito tutte le sue munizioni. Dal 2015 aveva aumentato i tassi di interesse con lo scopo esplicito di mantenere un po ‘di munizioni in caso di un’altra crisi e poter avere un po’ di spazio per ridurre i tassi. Negli ultimi sei mesi ha perso tutto, la maggior parte nel marzo 2020. Non è rimasto nulla. I tassi di interesse negativi sono una mossa troppo rischiosa. Persino i partner europei più avventurosi non si sono avventurati oltre il meno o.5 percento e fino ad ora la Fed non è stata disposta ad andare in territorio negativo . Ciò premesso, il fatto che i mercati si siano rifiutati di rispondere il giorno seguente, cadendo come pietre dalla mattina a est alla sera a ovest, ha prodotto un verdetto agghiacciante sulle possibilità della politica monetaria.

Non importa quanto siano alte le valutazioni delle attività in qualsiasi frenesia speculativa, non importa quanto la Federal Reserve le incoraggi , alla fine sono governate dalla gravità esercitata dall’economia produttiva, dai suoi bisogni e desideri. La bolla delle dot-com ha dovuto esplodere, data la mancanza di valore di così tanti dei suoi titoli “asset”. Le bolle immobiliari e creditizie sono scoppiate nel 2008, quando i tassi di interesse sono stati aumentati per preservare il valore del dollaro USA in seguito all’aumento dei prezzi delle materie prime, portando a un rallentamento degli aumenti dei prezzi delle case e alla creazione di un maggiore numero di mutui che valgono più dei prezzi delle case che erano stati ipotecate. Oggi il problema per il mercato azionario potrebbe essere stato innescato dalla pandemia, ma tocca problemi di fondo più profondi.

I mercati delle attività finanziarie, che finanziano la speculazione sul valore delle azioni già prodotte, sono cresciuti di dimensione nel corso dei decenni, hanno superato di gran lunga qualsiasi ragionevole proporzione con l’attività produttiva cioè negli investimenti nella produzione di nuovi beni e servizi (ciò che alcuni chiamano l’economia “reale” ) anche quando si basavano su di essa. Nell’attuale crisi, la forma pertinente di affidamento è questa: le banche e le istituzioni finanziarie accettano i depositi di società produttive come finanziamenti di altissima qualità. Sotto l’impatto degli shock della domanda e dell’offerta, tuttavia, le società produttive hanno assorbito questi depositi e addirittura preso a prestito. Inoltre, quasi tutte le grandi aziende stanno facendo tutto questo in contemporanea.

Sebbene ciò non abbia innescato un’immediata crisi bancaria, i problemi potrebbero non essere lontani: come ha recentemente sottolineato un editorialista del Financial Times , lo stesso emendamento Dodd-Frank e altri inasprimenti regolamentari post 2008 hanno reso le banche più resilienti richiedendo che abbiano un livello minimo di tali depositi di qualità.

Perdere questi depositi così rapidamente minaccia il profilo di liquidità e la conformità normativa delle banche stesse. E questo ancora prima che inizi il picco di declassamenti e inadempienze aziendali che creerà una pressione di finanziamento ancora maggiore “.

L’offerta di liquidità della Fed sostanzialmente non funziona più perché ciò di cui l’economia ha bisogno in questo momento è un modo per creare domanda, sia per i consumatori che per gli investimenti, per ripristinare ed espandere la produzione. Nelle attuali circostanze di bassi investimenti e spese private, questo lavoro può essere fatto solo dai governi. Questo pone un problema. Da un lato, in assenza di queste politiche, una crisi finanziaria ed economica generalizzata, molto più profonda del temporaneo calo della produzione e del consumo che solo la pandemia causerebbe, non è molto lontana. D’altra parte, se il governo intervenisse e facesse effettivamente ciò che è necessario, metterebbe un punto interrogativo sul futuro del capitalismo.

L’economia produttiva troppo tesa

Come abbiamo notato, il sistema produttivo sovraccaricato dal punto di vista temporale, spaziale e sociale, modellato da quattro decenni di neoliberismo, era già pronto per una resa dei conti. Per circa un decennio dopo il 1995, le catene di approvvigionamento occidentali hanno in gran parte trasferito i loro siti produttivi, soprattutto in Cina, ma la loro crescita stava già rallentando ben prima della crisi del 2008, grazie a un complesso di fattori tra cui la saturazione dei mercati occidentali strangolata dal neoliberismo e in virtù degli aumenti dei salari in Cina. Dopo il 2008 e l’inizio dell’austerità, inoltre, i risultati di decenni di “accordi di libero scambio” che erano, in realtà, accordi per facilitare gli investimenti stranieri senza limiti di rispetto della manodopera, ambiente e altri standard, iniziarono a tornare a casa in Occidente per riprodursi anche da noi. Nonostante la vasta produzione letteraria che sosteneva che i livelli salariali e occupazionali occidentali non avevano nulla a che fare con il commercio, in realtà, gli accordi commerciali stavano divorando tutti, compresi gli operai in Occidente

Considerando che questo malcontento avrebbe dovuto essere mobilitato da fazioni progressiste, decenni di diffamazione della sinistra da parte della destra neoliberista in ascesa e decenni di barcollamento verso destra da parte dei partiti tradizionalmente di sinistra (forse grazie ai propri limiti storicamente radicati) questo non è successo. Era invece il populismo di destra a sfruttare questa sofferenza, attraverso espedienti come la Brexit e le guerre commerciali, mentre faceva ben poco per guarirli, con il risultato di destabilizzare ulteriormente i già tenui accordi produttivi mondiali. L’epidemia di coronavirus ha solo accelerato l’avanzamento verso una resa dei conti.

La crisi della gestione delle crisi

L’ultimo elemento di questo brutto cocktail riguarda i meccanismi attraverso i quali storicamente sono state gestite le crisi del capitalismo: lo stato e la politica. Decenni di neoliberismo hanno via via eroso sia le capacità politiche statali sia quelle più ampie nelle società occidentali. Non possiamo fare affidamento su di esse per produrre una risposta coerente all’attuale crisi, sia nel controllare e porre fine alla pandemia nel breve periodo che nel riorientamento economico che, a lungo termine, sarà necessario.

Ciò si vede chiaramente nella lentezza delle risposte occidentali alla pandemia. Avendo trascorso mesi con l’unico scopo di trovare difetti nella risposta della Cina, la risposta dell’Occidente ha cercato (male) di copiare quella di Pechino.

Il rapporto della Missione congiunta OMS-Cina sulla malattia di Coronavirus 2019 (Covid-19) ha concluso che:

Di fronte a un virus precedentemente sconosciuto, la Cina ha lanciato forse lo sforzo di contenimento della malattia più ambizioso, agile e aggressivo della storia. La strategia alla base di questo sforzo di contenimento era inizialmente un approccio nazionale che promuoveva il monitoraggio della temperatura universale, l’uso di mascherine e il lavaggio delle mani. Tuttavia, con l’evolversi dell’epidemia e l’acquisizione delle conoscenze, è stato adottato un approccio scientifico e basato sul rischio per personalizzare gli interventi. Specifiche misure di contenimento sono state adattate al contesto provinciale, provinciale e persino comunitario, alla capacità di contagio e alla natura della trasmissione del coronavirus.


Il contrasto con l’Occidente non avrebbe potuto essere più netto. Consideriamo le sue due principali nazioni neoliberali: gli Stati Uniti e il Regno Unito. In entrambi, quattro decenni di neoliberismo hanno ridotto la capacità statale, distrutto le istituzioni critiche e fatto scomparire il personale migliore. In entrambi, le classi politiche hanno perso la loro credibilità e i sistemi politici sono stati disordinati a tal punto che hanno permesso a veri ciarlatani di occupare i loro più alti uffici politici. Come possono tali sistemi impoveriti produrre la volontà politica e la necessaria capacità dello Stato di affrontare la crisi che si sta verificando? (Possiamo aggiungere qui che la pandemia sta anche testando l’architettura stessa dell’Eurozona.)

Negli Stati Uniti, con un sistema medico privato, l’assicurazione, i costi e altri parametri commerciali continuano a dettare una risposta casuale in cui persino i test vengono effettuati a macchia di leopardo, lasciando un mistero sulla vera scala della pandemia stessa. Nel Regno Unito, dove un decennio e più di austerità avevano già distrutto il National Health Service (NHS) rendendolo incapace di far fronte alle normali stagioni annuali dell’influenza si è cercato di fare di necessità virtù sostenendo che si mirava alla ”immunità di gregge” . In realtà, con linguaggio sanitario, si faceva una dichiarazione di fallimento con un forte sapore di genocidio. Nella considerazione che la pandemia avrebbe colpito più duramente i poveri, accettando che il virus si sarebbe diffuso, sarebbero morte decine di “persone care” e che solo i più forti sarebbero sopravvissuti, è stato come dire “lasciamo che il diavolo prenda il massimo”. In tutto il mondo occidentale, il dominio dei sistemi di informazione da parte dei media privati e dei social media ha comportato un livello di informazioni errate e di informazioni sbagliate che possono solo aggravare i problemi.

Inoltre, le incapacità a livello nazionale sono aggravate da rivalità e tensioni internazionali che rendono difficile una risposta coordinata a livello internazionale. Le radici delle rivalità che caratterizzano il ventunesimo secolo risiedono, ovviamente, nello spostamento del centro di gravità economico mondiale dall’Occidente. Naturalmente, è stato aggravato dalla lenta crescita dell’Occidente nei decenni neoliberali e dalla capacità della Cina e di alcuni altri governi di sfuggire o adattarsi alle sue restrizioni. L’ovest aveva iniziato da tempo a reagire male a questo cambiamento: intensificando la guerra militare ed economica contro i rivali e i suoi alleati L’ascesa del populismo ha solo peggiorato le cose.

Mentre il livello di amicizia internazionale dopo il 2008 è stato sempre dipinto in modo esagerato e gli sforzi del G20 hanno fatto ben poco per alleviare la crisi, l’età di “America First” e della Brexit indicano un nuovo livello nella discordia internazionale. Il tentativo di Trump di offrire “grandi somme” alle compagnie farmaceutiche per l’accesso esclusivo a un vaccino è forse il più recente dei livelli minimi di comportamento degli Stati occidentali nel mezzo della crisi. Persino l’apprendimento del successo dalla Cina è negato nella maggior parte della politica e dei media occidentali, al punto che i progressi della medicina verso un trattamento di successo non sono riportati, non sono né discussi nè adottati.

Nel frattempo, i regimi sanzionatori internazionali impediscono ai governi demonizzati, come quello venezuelano, di acquistare farmaci per le cure.

Se la pandemia di coronavirus avesse colpito un’economia mondiale sana e armoniosa, avrebbe causato gravi danni, ma il danno sarebbe stato limitato nel tempo e nello spazio. Tuttavia, colpisce un’economia mondiale e un sistema capitalista già indebolito da decenni di neoliberismo. Il suo effetto è e rimarrà indissolubilmente legato a queste debolezze di fondo.

Da tutto questo ricaviamo che la situazione contiene grandi possibilità di avanzamento a sinistra. Tuttavia, dobbiamo ricominciare ancora una volta dall’inizio.

Radhika Desai è professore presso il Dipartimento di studi politici dell’Università di Manitoba e attualmente è direttore del gruppo di ricerca sull’economia geopolitica.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail