India: 250 milioni di lavoratori hanno bloccato lo Stato

Abbiamo tradotto un articolo che racconta lo straordinario sciopero generale che ha paralizzato l’India. Al termine una galleria di foto. Testo e immagini sono state pubblicate in lingua inglese sul sito People’s Dispatch

Giovedì 26 novembre, l’India ha assistito al più grande sciopero organizzato della storia umana. Oltre 250 milioni di lavoratori e agricoltori, insieme ai loro alleati tra studenti, femministe e gruppi della società civile, hanno partecipato allo sciopero nazionale. Lo sciopero coincide con il Giorno della Costituzione dell’India, che commemora l’adozione della costituzione nel 1949, e arriva sullo sfondo di un attacco senza precedenti ai diritti dei lavoratori e alla protezione degli agricoltori da parte del governo di destra del primo ministro Narendra Modi.

La protesta dei contadini negli Stati intorno a Delhi è continuata fino a tarda notte giovedì e venerdì all’inizio. Migliaia di contadini hanno rotto blocco dopo blocco e stanno marciando verso la città. La polizia ha usato ripetutamente cannoni ad acqua su di loro ma non è riuscita a spezzare il loro spirito. Si prevede che raggiungeranno i confini di Delhi venerdì.

Lo sciopero è stato organizzato da una coalizione di movimenti dei lavoratori e degli agricoltori, con 10 confederazioni commerciali nazionali e il gruppo All India Kisan Sangharsh [Farmers ‘Struggle] Coordination Committee (AIKSCC), che consiste di oltre 200 gruppi di agricoltori in tutta l’India . Allo sciopero hanno partecipato anche gruppi per i diritti delle donne, sindacati studenteschi e varie organizzazioni della società civile. Lo sciopero ha ricevuto anche il sostegno dei partiti di sinistra e di diversi gruppi di opposizione.

Alcune delle richieste chiave contenute nella carta in 12 punti avanzata dagli organizzatori includono il ritiro di una serie di leggi recentemente approvate dal governo Modi che abrogano le principali protezioni sul costo del lavoro e dei prodotti agricoli, un rollback nelle recenti politiche di disinvestimento nelle principali società di proprietà del governo. imprese, implementazione dei programmi di welfare esistenti per i lavoratori rurali e ampliamento delle politiche di welfare per aiutare le masse colpite dalle ricadute economiche della pandemia COVID-19.

Migliaia di agricoltori, insieme a membri di gruppi sindacali e altri movimenti, provenienti da tutta l’India, hanno anche guidato una manifestazione nella capitale nazionale di Delhi. La manifestazione è stata accolta con una feroce repressione da parte della polizia di Delhi che ha utilizzato un blocco, cariche di manganelli e cannoni ad acqua per fermare la marcia. Alla fine, il blocco è stato violato.

In un confronto simile con le autorità, i gruppi di lavoratori e agricoltori hanno bloccato le principali città metropolitane come Calcutta e Mumbai, con sit-in organizzati sulle principali rotte di trasporto. Anche la cintura industriale e mineraria dell’India centrale e orientale ha assistito a una chiusura totale.

Gli organizzatori hanno affermato che lo sciopero è un inizio per ulteriori lotte, imminenti nel paese. “Gli operai e i contadini non si fermeranno finché le politiche disastrose e dirompenti del governo del BJP non saranno invertite. Lo sciopero di oggi è solo l’inizio. Seguiranno lotte molto più intense “, ha detto Tapan Sen, segretario generale del Centro dei sindacati indiani (CITU), una delle confederazioni sindacali partecipanti allo sciopero.

Lo sciopero arriva in un momento in cui le ricadute economiche della pandemia COVID-19 hanno spinto l’India in una vera e propria recessione, esacerbando le disuguaglianze e le privazioni esistenti. Il prodotto interno lordo (PIL) indiano è diminuito di un valore record del 23,9%, mentre la disoccupazione è salita a un 27% senza precedenti.

In mezzo a una tale crisi a tutto tondo, il governo di destra guidato dal Bharatiya Janata Party ha implementato nuovi emendamenti ai codici del lavoro e introdotto nuove leggi agricole che hanno invertito i principali progressi storici compiuti nei diritti dei lavoratori e nella protezione delle aziende agricole.

Nelle foto: blocchi a Calcutta. Lavoratori tessili e portuali. Blocco del traffico ferroviario. Polizia che tenta di bloccare i pullman diretti a Nuova Dehli. Per vedere le foto scorrere orizzontalmente

previous arrow
next arrow
Slider

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail