Messico: AMLO nazionalizza il litio

Riportiamo una nostra traduzione di un articolo uscito sul quotidiano comunista inglese Morning Star. Si tratta di una analisi del processo politico messicano, con particolare riferimento alla legge sulla nazionalizzazione delle miniere di Litio. Di Messico e del suo presidente Lopez Obrador (AMLO) si parla pochissimo dalle nostre parti. Eppure il suo consenso è alle stelle. Nelle settimane scorse ha sfidato l’opposizione facendo votare un referendum in cui ha chiesto il consenso popolare per continuare a governare, stravincendo nelle urne. Il passo successivo è stato la nazionalizzazione delle miniere di Litio. Ma non è finita qua…..

****

Il 19-20 aprile entrambe le camere del Congresso messicano hanno approvato una riforma della legge mineraria per nazionalizzare il litio, un minerale strategico di cui il paese possiede grandi giacimenti.

La riforma, proposta dal presidente AMLO, è piuttosto categorica:

“Il litio è dichiarato di pubblica utilità, quindi non ci saranno concessioni, licenze, permessi o autorizzazioni in materia”.

“Quelle zone dove ci sono giacimenti di litio saranno considerate riserve minerarie. È riconosciuto che il litio è patrimonio della nazione e la sua esplorazione, sfruttamento, lavorazione e utilizzo è riservato al popolo messicano”.

Entro 90 giorni il governo deve creare un ente pubblico per la prospezione, l’estrazione e la lavorazione del litio.

Questa terminologia specifica e dettagliata era necessaria perché, sebbene in linea di principio la costituzione messicana sin dal 1917 stabilisse che i diritti del sottosuolo sono proprietà della nazione, questa chiara dichiarazione generale consente, in pratica, la concessione a interessi privati ​​ed era utilizzata, soprattutto dai governi neoliberisti dagli anni ’80 al 2018 — per cedere il 60 per cento del territorio nazionale in concessioni minerarie private.

AMLO ha menzionato per la prima volta l’idea della nazionalizzazione del litio in un pacchetto di riforma costituzionale sull’energia elettrica il 30 settembre 2021.

La maggior parte della proposta di riforma riguardava la riaffermazione del controllo nazionale sulla produzione e distribuzione di elettricità, non la piena nazionalizzazione, ma riservando più della metà del settore (54 per cento) alla Commissione federale per l’energia elettrica (CFE), rafforzandone il potere e imponendo regole rigorose in materia di operatori privati ​​nel restante 46 per cento, compresi i controlli sui prezzi.

I lettori che hanno seguito gli affari messicani potrebbero essere confusi, perché la legge sull’elettricità è stata varata per la prima volta nel febbraio 2021 e approvata dal Partito Morena e dai suoi alleati parlamentari.

Ma interessi privati ​​ostili – dalla Spagna, dagli Stati Uniti e dal paese – hanno lanciato incessanti sfide legali in modo che le intenzioni della legge fossero ostacolate.

Per questo nel settembre 2021 AMLO ha presentato una nuova Riforma Elettrica, questa volta come emendamento costituzionale e non come semplice norma di legge.

Se la riforma fosse stata inserita nella Costituzione, sarebbe molto più difficile impugnarla in tribunale.

Ma le riforme costituzionali richiedono una maggioranza di due terzi al Congresso mentre il governo ha una netta maggioranza ma non ha i due terzi necessari.

Negli ultimi sei mesi AMLO e il suo partito Morena hanno condotto sistematicamente campagne sulla questione, tenendo forum pubblici e dibattiti in tutto il paese. Il sostegno alla campagna elettrica è stato espresso attraverso una mobilitazione di massa, con crescenti manifestazioni pubbliche e attività sui social media.

AMLO ha ripetutamente fatto appello alle tradizioni nazionaliste e antimperialistiche della rivoluzione messicana e ha cercato di svergognare il partito PRI precedentemente dominante (ora alleato in opposizione al partito conservatore PAN) indicando la nazionalizzazione del petrolio del 1938 sotto il presidente Lazaro Cardenas e l’originale nazionalizzazione dell’elettricità del 1960 sotto il presidente Adolfo Lopez Mateos, entrambi del partito precedentemente dominante.

I parlamentari del PRI difenderebbero la tradizione patriottica popolare del loro partito, o si sottometterebbero alle corrotte politiche di svendita neoliberale di tempi più recenti?

Si sarebbero schierati con il popolo o con il PAN conservatore? Difenderebbero la nazione o gli speculatori stranieri?

Tale retorica ha certamente mobilitato il sostegno popolare di massa e rafforzato l’impegno dei politici di Morena e dei loro alleati, ma non è riuscito a conquistare il PRI (il “Partito Rivoluzionario Istituzionale”) oggi del tutto istituzionale e per nulla rivoluzionario.

Negli ultimi tre mesi AMLO ha ripetutamente sottolineato il pacchetto di riforma costituzionale come una cartina di tornasole del patriottismo, citando Cardenas e Lopez Mateos che entrambi hanno condannato coloro che si opponevano alla nazionalizzazione e difeso gli interessi stranieri come “traditori della nazione”.

Il pacchetto è stato discusso e votato il 17-18 aprile; ha vinto una maggioranza semplice ma non due terzi. L’opposizione ha strombazzato questa come una vittoria, ma è stata una vittoria di Pirro poiché la riforma è ancora la legge del paese e i loro parlamentari ora sono visti da gran parte della popolazione come “traditori”.

Inoltre, sebbene l’emendamento costituzionale non sia passato, AMLO ha ottenuto un’altra importante vittoria pochi giorni prima quando la Corte Suprema messicana ha respinto un tentativo di opposizione di dichiarare incostituzionale la legge.

In altre parole, alla legge non viene conferita forza costituzionale, ma viene accettata come compatibile con la costituzione esistente.

Inoltre, come promesso, il giorno successivo AMLO ha presentato un disegno di legge separato per nazionalizzare il litio: la riforma della legge sulle miniere presentata all’inizio di questo articolo.

Questo disegno di legge è stato approvato in entrambe le camere del Congresso ed è stato celebrato in tutto il paese, tranne che dalla minoranza antipatriottica dell’opposizione.

AMLO quasi certamente sapeva che il pacchetto di riforma costituzionale sarebbe fallito: ha espresso un giudizio politico che era giunto il momento di assumere una ferma posizione antimperialista, affermando la sovranità energetica del Messico e anche il controllo del litio.

Segnali che presto arriveranno dividendi politici per AMLO e il suo movimento: a giugno ci sono le elezioni per i governatori in sei stati e i sondaggi suggeriscono che Morena potrebbe vincerli tutti e sei.

I sondaggi indicano anche che nelle future elezioni il voto del PRI potrebbe crollare, poiché le persone si rivoltano contro di loro come “traditori della nazione”.

Il controllo nazionale del litio e dell’elettricità (e del gas e del petrolio, che AMLO ha già rivendicato) è immensamente popolare. Il Messico si unisce alla Bolivia, al Venezuela e ad altre nazioni dell’America Latina per rivendicare il controllo delle industrie delle risorse chiave.

La battaglia per il controllo del litio, in particolare, sta diventando una questione a livello continentale, in particolare nel “triangolo del litio” della Bolivia, del Cile settentrionale e dell’Argentina nord-occidentale e ora in Messico: AMLO ha riferito il 27 aprile che questi paesi stanno per incontrarsi per discutere la cooperazione sull’argomento.

Da Morning Star, articolo di David Raby

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail